Spiritualità

L’Oratorio filippino è un luogo di crescita umana e spirituale, in cui ognuno – sacerdote e laico – può realizzare la propria vocazione alla santità con:

• la preghiera comunitaria quotidiana
• la lettura e l’approfondimento della Parola di Dio
• la partecipazione ai Sacramenti e alla Liturgia
• la testimonianza cristiana attraverso il servizio al prossimo

La spiritualità oratoriana è sintetizzata da quattro parole chiave:
Carità, per aprirci all’Amore e farne dono ai fratelli;
Gioia, per realizzarci nel progetto di Dio e nell’accoglienza festosa di tutti;
Orazione, per lasciarci condurre dalla Parola e rispondere con la nostra vita;
Umiltà, per riconoscere i doni del Signore e condividerli con gli altri.

La figura del padre filippino è come si è detto, equivalente a quella di un prete o fratello che vive in comunità, ed è caratterizzato dalla spontaneità e da fervorosa semplicità, pur dovendo sempre essere preparato allo studio. Deve essere portato alla predicazione, al culto eucaristico e della vergine oltre che amministrare i sacramenti.